Domanda:
Cosa significano BEC, SBEC, UBEC e OPTO per ESC con motore brushless?
Daniel Ballinger
2020-04-15 03:41:14 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sto cercando di acquistare un ESC per andare con un motore brushless. Molte delle pagine dei prodotti includono termini relativi a un BEC, come SBEC, UBEC e Opto.

Cosa significano questi acronimi e come dovrei scegliere tra loro quando seleziono un ESC?

Tre risposte:
#1
+11
Lee J C
2020-04-15 03:54:12 UTC
view on stackexchange narkive permalink

BEC: circuito di eliminazione della batteria. Fondamentalmente ti consente solo di utilizzare l'ESC per alimentare il circuito di controllo, i servi, ecc. (Eliminando quindi la necessità di una batteria)

SBEC: circuito di eliminazione della batteria commutato. Solo una versione migliorata del BEC che lo rende più efficiente dal punto di vista energetico.

UBEC: simile a SBEC, solo più efficiente dal punto di vista energetico a scapito di essere leggermente più pesante.

Opto: utilizza luce (fotoaccoppiatore) per separare i circuiti di controllo e motore, per ridurre le interferenze. Richiede quindi due sorgenti di alimentazione, una per i comandi e una per il motore.

Una cosa che vale la pena sottolineare è che nella grande maggioranza dei casi quando un produttore dichiara OPTO su un ESC, in realtà non significa che nel circuito sia presente un vero fotoaccoppiatore. Spesso significano semplicemente che si tratta di un ESC senza regolatori di tensione accessibili dall'esterno (BEC). Ci sono MOLTO pochi ESC sul mercato che hanno un vero optoisolatore.
#2
+7
Drones and Whatnot
2020-04-15 03:52:36 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un BEC è un circuito di eliminazione della batteria. Ciò fornisce un modo per alimentare altri componenti, come i servocomandi, da una sorgente più regolata del VBAT.

Un SBEC ( S strega B attery E liminator C ircuit ) e un UBEC ( U ltimate B attery E liminator C ircuit ) sono entrambe le versioni di BEC più efficienti.

Un OPTO è un accoppiatore ottico e questo isola le uscite ausiliarie dell'ESC (, ad esempio, BEC ) dalla corrente utilizzata per azionare il motore, riducendo il rumore del servo.

Questa è la sorgente di tutti i informazioni in questo post (non ero a conoscenza di SBEC, UBEC e OPTO prima di ricercare questo, quindi grazie): hobbyking.com/media/file/57396352X1338440X50.pdf

#3
+6
FlashCactus
2020-04-17 11:56:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questo è un argomento comprensibilmente confuso a causa dell'evoluzione dei nomi e alcuni di questi acronimi sono diventati più un'etichetta di marketing che un termine effettivo. Quindi approfondirò un po 'le origini di questi nomi e il motivo per cui esiste la distinzione tra loro.

Il termine " BEC ", che sta per Battery Elimination Circuit , ha le sue radici negli aerei a gas. Poiché la loro principale fonte di spinta non era elettrica, avevano una batteria separata (di solito NiMH) per alimentare il ricevitore e i servi, che da quei tempi richiedono tradizionalmente da 4,8 a 6 volt. Quindi, quando le persone hanno iniziato a mettere motori elettrici sugli aerei per la spinta, la disposizione è rimasta la stessa per un po ': una batteria grande (e ad alta tensione) separata per alimentare il motore principale e una piccola batteria da 5 volt per alimentare il controllo elettronica, che non poteva sopportare il voltaggio più alto della batteria principale.

Quindi, un BEC era un regolatore di tensione che avrebbe eliminato quella seconda batteria fornendo alimentazione regolata per il ricevitore e servi direttamente dalla batteria principale.

Il BEC più semplice è un regolatore lineare (a volte chiamato LBEC ), un dispositivo che abbassa la tensione della sua uscita facendo cadere il resto della tensione su un resistore variabile che dissiperebbe la potenza che lo attraversa. Il problema è che, poiché funziona dissipando la potenza extra, è molto inefficiente quando la differenza di tensione è alta: se hai una batteria principale da 12V e un'uscita a 5V che consuma 1A di corrente, il BEC lineare deve consumare l'altro 7V e 1A di corrente e la perdono per riscaldarsi. Se hai una batteria da 16 V, è 11 V * 1 A: più del doppio della potenza utile viene semplicemente persa a causa del calore! E anche se potresti non preoccuparti della perdita stessa (il motore principale probabilmente sta mangiando molto di più di quello comunque), il fatto che la cosa si riscaldi come un matto potrebbe essere un problema.

Quindi, se l'elettronica di controllo e i servi sono sufficientemente assetati di energia, è necessario un regolatore di tensione a commutazione o S BEC . I regolatori a commutazione convertono le tensioni con pochissima perdita di potenza, quindi possono fornire molti amplificatori senza surriscaldarsi troppo. Uno svantaggio intrinseco di questi regolatori è una tensione di uscita leggermente oscillante (il termine tecnico per questo è ripple):

A particularly bad example

Diversi switcher lo attenuano a vari livelli (uno dei modi migliori è quello di attaccare un regolatore lineare separato dopo quello di commutazione), ma di solito è ancora lì anche dopo il livellamento. di solito non importa se c'è o meno un'ondulazione, purché non sia troppo grande, quindi è stata l'opzione migliore per un po 'di tempo.

Da qualche parte lungo la strada è nata l'idea di integrare questo regolatore in l'ESC, poiché riceve comunque l'alimentazione dalla batteria, e negli aerei si collega al ricevitore con un'intestazione servo a 3 pin, essendo così in grado di fornire alimentazione regolata attraverso quell'intestazione. Quindi, per un aereo RC, avere il BEC integrato nel tuo ESC significa eliminare un'intera scheda di regolazione aggiuntiva e non dover cablare nulla per alimentare il tuo ricevitore e servi: devi solo collegare l'ESC e voilà, tutta la tua elettronica ha potenza.

Per multicotteri e aerei multimotore, questo può diventare strano, poiché hai più ESC e ognuno desidera fornire la propria potenza. E avere più regolatori di commutazione che tentano di eseguire l'output nello stesso posto può portare a risultati ... imprevisti . Forse (sebbene improbabile) persino esplosivo, quindi i controllori di volo di solito hanno i propri BEC e di solito non hanno pin / pad per l'alimentazione sui loro collegamenti del motore, mentre gli aerei più grandi tendono a utilizzare un BEC autonomo.

Ora vengono i termini di marketing. un U BEC è un BEC " Universale " o talvolta anche " Ultimate ". Questi sono solo (si spera) regolatori di tensione autonomi di alta qualità che possono presentare correnti disponibili più grandi, maggiore efficienza, migliore attenuazione dell'ondulazione di uscita (a volte tramite un regolatore lineare), tensioni selezionabili (5V o 12V, a volte anche 6 e 9V, o anche il tutta la gamma), una migliore affidabilità, ecc.

OPTO è il più strano del gruppo. Tecnicamente, sta per "optocoupler", che è un modo per isolare elettricamente il tuo ESC dall'altra elettronica completamente. Questo può essere utile quando si ha a che fare con tensioni e / o correnti molto elevate, poiché l'ondulazione di tensione generata nell'alimentatore dai motori stessi può essere piuttosto elevata, specialmente durante l'accelerazione o la frenata veloce RPM, e può essere restituita all'elettronica di controllo attraverso cavi di alimentazione o di controllo ESC. In quanto tale, questa caratteristica è principalmente prominente sugli enormi ESC di aeroplani da 80+ amp con radiatori. Tuttavia, alcuni ESC quadricotteri sono anche noti per avere un accoppiamento ottico. Dal momento che lo scopo di Opto è quello di non avere il tuo FC collegato elettricamente all'ESC, si esclude quasi completamente a vicenda avere un BEC integrato nell'ESC. Tuttavia sul mercato non è sempre così, e il termine viene abitualmente confuso con altre cose anche dai produttori, quindi se vedi questo marchio su un ESC potrebbe essere qualcos'altro. Alcuni modelli di ESC usano persino la parola OPTO per indicare che hanno un BEC a bordo!

Letture aggiuntive:



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...