Domanda:
Nelle corse di droni con multirotori, come si naviga nel percorso?
Drones and Whatnot
2020-04-18 04:12:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ogni volta che guardiamo le corse dei droni, di solito c'è un percorso delimitato da coni.

Tuttavia, quando c'è un ostacolo come la Scala di Giacobbe, i piloti conoscono l'ordine per passare attraverso ciascuno dei lacune. Allo stesso modo, a volte vediamo i corridori volare attraverso lo stesso cancello due volte di seguito.

Come fanno a sapere di farlo?

C'è un modo speciale per tracciare il percorso che è universale, c'è un briefing prima della gara o c'è un altro metodo?

Tre risposte:
#1
+6
FlashCactus
2020-04-18 17:14:36 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono uscito e ho chiesto informazioni a un vero corridore.

Di solito ci sono alcuni segnali visivi. Il percorso è disposto in coni, le bandiere sono asimmetriche quindi sai da che parte passare, i cancelli che devi attraversare due volte di solito hanno qualcosa (tessuto luminoso, una bandiera, ...) accanto a loro sul lato che si vola in giro prima di rientrare nel cancello, ecc. ei coni stessi non sono solo un filo piatto ma sono disposti secondo certi schemi; ad esempio, quando la sequenza dei coni termina con una freccia questo di solito indica che si dovrebbe andare verso l'alto (o più in alto, cioè nel caso di due porte impilate l'una sull'altra), mentre una linea perpendicolare segna il punto di ingresso della stringa del cono .

A volte gli elementi del binario sono colorati in modo diverso (e asimmetrico) per indicare la direzione. Alcuni elementi hanno solo usi canonici in base alla loro forma: dovresti passare attraverso i cancelli, volare oltre le bandiere, tuffarti nei cancelli delle immersioni ... La scala di Jacob nello specifico viene quasi sempre passata dall'alto verso il basso in sequenza (mentre se dovresti andare a destra oa sinistra varia da traccia a traccia).

Detto questo, non esiste uno standard definito nella pietra universalmente accettato per questi segnali. Quali vengono utilizzate dipende molto dai materiali a disposizione degli organizzatori della gara, da quanto tempo hanno a disposizione per impostare la pista, dal layout della pista, ecc. Ad esempio, le bandiere possono essere in tessuto su un palo elastico (nel qual caso tu volare sul lato convesso), oppure possono essere gonfiabili e curvi per essere appesi al suolo (nel qual caso si vola sotto lo strapiombo sul lato concavo).

La maggior parte delle leghe di corse di droni ha i propri standard di come i diversi elementi di traccia e manovre dovrebbero essere contrassegnati in pista e cercano di rispettarli. Anche in questo caso alcuni eventi locali o regionali più piccoli del campionato possono essere limitati dagli organizzatori che non dispongono di tutto il materiale richiesto. Inoltre, non è possibile contrassegnare tutto sulle tracce tecniche più complicate o contrassegnarlo in modo univoco. A volte alcune parti della pista sono formate dal terreno stesso, cioè un edificio abbandonato o una formazione rocciosa naturale. In questo caso non esiste uno standard e i progettisti delle piste devono essere creativi per chiarire anche dove sono i cancelli!

Quindi i segnali visivi non sono tutto. Molte gare si basano sulla comunicazione ai piloti di come dovrebbe essere volata la pista prima della gara . A volte è un briefing verbale, a volte uno schema stampato. A volte la pista viene pubblicata con largo anticipo in modo che i piloti possano allenarsi sul loro campo di casa o in un simulatore. Potrebbe anche esserci una guida video o un DVR di una corsa pratica. Inoltre, molte leghe eseguono effettivamente una passeggiata fisica attraverso la pista durante o prima del giorno della gara (proprio come le corse automobilistiche di Formula 1), in modo che i commissari ei piloti possano discutere di sfide, oggetti specifici e pericoli, ecc.

Alla fine, per le gare serie, il modo in cui la pista è contrassegnata non ha importanza. Durante la gara vera e propria la velocità alla quale sta accadendo tutto non ti lascia il tempo per pensare o capire cosa succederà dopo analizzando la pista. Il pilota solo sa in anticipo quale cancello o manovra viene dopo quello che sta attraversando e lo anticipa, molto probabilmente insieme a quello successivo. Conoscere la pista è un fattore molto importante per vincere una gara, poiché per avere la traiettoria più veloce (che di solito significa più breve ), il pilota deve iniziare le manovre necessarie per passando il cancello successivo mentre non ha ancora superato quello precedente .

Oltre ad allenarsi in anticipo e imparare la pista dai materiali forniti, i corridori possono sempre fare alcuni giri attorno alla pista finale vera e propria prima della gara per memorizzarne il layout. Questo è fondamentale in quanto la pista effettiva sarà sempre leggermente diversa dalla pista di allenamento che potrebbero aver costruito per se stessi. Durante questi giri di allenamento escogitano anche il modo migliore per affrontare gli elementi di quella particolare pista nel modo più veloce possibile, e quindi sviluppano una traiettoria ottimale, o linea di corsa , come viene solitamente chiamata.

Quindi, alla fine, le indicazioni sulla pista sono lì solo per aiutare nei primi giri, mentre la pista viene appresa dal pilota, dopodiché la memoria prende il sopravvento.

Questa è una risposta molto istruttiva e interessante - grazie!
Grazie @RoryAlsop, ha aggiunto la tua nota alla risposta.
#2
+4
ifconfig
2020-04-18 09:48:40 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Da quello che ho sentito, gare come quelle si basano su briefing prima che i piloti abbiano il tempo per i loro giri di prova. Ciò consente agli organizzatori di gare la libertà di mescolare ogni volta e mantenere le gare interessanti.

Ovviamente, non c'è nulla che impedisca a una gara di pubblicare il layout che intendono utilizzare in anticipo per i corridori studiare. Potrebbero anche modellare i loro percorsi su layout creati da leghe come MultiGP e DRL, se lo decidessero.

Ad esempio, una pagina sul sito di Oscar Liang mostra un esempio di gara layout del tracciato che potrebbe essere copiato dagli organizzatori della gara e questo sito mostra un sacco di altri esempi di progettazione del tracciato a cui gli organizzatori della gara potrebbero fare riferimento.

Molto interessante, grazie!
#3
+3
Ben Wilson
2020-04-19 11:00:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per le nostre gare, camminiamo sempre in pista in gruppo prima della riunione di gara. Il progettista della pista parlerà a tutti di tutti gli ostacoli durante la marcia su pista.

Guarderemo anche i feed video degli altri durante le prove per imparare la pista e dire a un pilota se hanno sbagliato strada.

Buono a sapersi, grazie, ha molto senso!


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...